martedì 1 aprile 2014

Conflitti di interesse: quando Big Pharma stipendia la medicina accademica


Un contributo pubblicato su Jama, Journal of American Medical Association, attesta come il 40% dei membri degli uffici direttivi delle aziende farmaceutiche abbiano una posizione di leadership nei centri decisionali della medicina accademica, con un compenso annuale che si aggira sui 300mila dollari.



Nessun commento: